Il materasso a molle: pro e contro

Oggi, lo sviluppo tecnologico corre molto velocemente e alcuni materiali vengono soppiantati dalle nuove tecnologie in tempi molto brevi. Questo accade anche nel mondo dei materassi. Nel corso del XIX secolo si sono succedute varie tecniche di produzioni, dalla lana alle nuove schiume viscoelastiche come il memory foam. Tuttavia, alcune invenzioni sembrano non passare mai di moda, come nel caso del materasso a molle. I materassi a molle sono stati introdotti nel mercato negli anni ’80. Il concetto del materasso a molle risiedeva nella spinta che queste davano al corpo. Questa spinta si traduceva

Pro e contro materasso a molle

in rigidità e sostegno salutare. Ancora oggi si associa erroneamente la definizione di materasso ortopedico alle caratteristiche del materasso a molle. Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un materasso a molle?

I vantaggi del materasso a molle

Il materasso a molle, colosso della storia del materasso, è probabilmente il più popolare tra tutti i modelli di materassi. Se ne distinguono fondamentalmente due tipi: il materasso a molle standard e quello a molle insacchettate. La differenza risiede nelle molle: nel primo le molle sono collegate l’una all’altra mentre nel secondo le molle vengono insacchettate singolarmente. Questo secondo modello permette movimenti personalizzati per ogni dormiente, senza che uno comprometta il sonno dell’altro.

Solitamente i materassi a molle offrono un ottimo grado di sostegno del corpo grazie all’azione delle molle che accolgono il peso del corpo ma tendono a spingerlo verso l’alto, fino a raggiungere il massimo della loro estensione. Inoltre i materassi a molle sono molto economici; anche se in genere le molle vengono combinate con qualche tipo di schiuma, il loro costo di produzione e di conseguenza di vendita rimane molto basso.

Gli svantaggi del materasso a molle

Acquistare un materasso a molle significa scegliere un materasso generalmente sostenuto, o meglio rigido. Un materasso duro è spesso associato erroneamente all’aggettivo “ortopedico”. Infatti si pensa che l’elevata rigidità sia sinonimo di un materasso salutare. Questo però è un falso mito. L’azione delle molle permette davvero il sostegno corretto del dormiente ma impedisce l’affondamento progressivo del corpo. Il sonno risulta quindi meno confortevole, in quanto il corpo dovrebbe venire accolto dolcemente dal materasso e non si dovrebbe dormire su una superficie troppo rigidia.

Inoltre, a differenza dei materiali di ultima generazione, come il memory foam, costruiti per durare anche dieci anni, le molle tendono a cedere sotto la pressione del corpo e a danneggiarsi con l’usura.