Quando è detraibile il materasso?

Oramai, che acquistare un materasso di qualità sia importante per la nostra salute è un dato di fatto. Un materasso ergonomico che sostenga correttamente la schiena e al contempo offra un elevato grado di comfort è la scelta migliore per regalarsi un riposo sano e confortevole. Tuttavia ci sono vari aspetti da considerare quando si acquista un materasso, e uno di questi è il prezzo. Solitamente un buon materasso matrimoniale costa tra i 500 e i 900 euro. Infatti, acquistare un materasso è sicuramente un investimento, ma cosa non si farebbe per la propria salute! Un modo per risparmiare un po’ sull’acquisto e assicurarsi un materasso ottimale per la propria salute è comprare un materasso dispositivo medico. Questo infatti è detraibile in Italia del 19% in fase di dichiarazione dei redditi.

Materasso detraibile

 

Cos’è un materasso dispositivo medico?

Un materasso che viene dichiarato dispositivo medico è un materasso che è stato testato e dichiarato idoneo da istituti certificati ai sensi della direttiva 93/42/CE e successive modifiche ed integrazioni. Il prodotto viene così dotato della marcatura CE che attesta la detraibilità fiscale dello stesso. Un materasso dispositivo medico può venire quindi detratto del 19% in fase di 730 come spesa medica. Questa procedura si applica a qualsiasi cittadino italiano dotato di codice fiscale, senza alcun bisogno di certificati speciali o documentazioni specifiche.

 

Quali documenti sono necessari per detrarre il materasso?

Essendo la detrazione fiscale del materasso applicabile a tutti, è possibile ottenere la documentazione necessaria semplicemente chiedendola al venditore. I documenti che solitamente vengono forniti al cliente comprendono:

  • Fattura: attesta l’avvenuta transazione d’acquisto ed è intestata al fautore dell’acquisto e colui a cui nome verrà detratta la spesa;
  • Certificazione di conformità: convalida che il materasso è conforme ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalle Direttive Comunitarie (ed è dotato del relativo marchio CE);
  • Etichetta CE: dichiara che il materasso è un dispositivo medico di classe 1 (prodotti non invasivi). Questa riporta anche la dicitura specifica del prodotto(ad esempio, “materasso antidecubito sanitario”, “materasso ortopedico”).

A questi documenti è fondalmentale allegare una prescrizione del medico curante. Questa deve attestare il bisogno del soggetto di un materasso certificato dispositivo medico di classe 1.

Inoltre alcune aziende, ai documenti sopraccitati, aggiungono in allegato il libretto illustrativo che esplica le norme tecniche d’utilizzo del materasso.

 

Ulteriori curiosità: l’iva agevolata al 4%

Il materasso dispositivo medico è anche soggetto alla possibilità di detrazione dell’IVA al 4% ai sensi della legge 104/1992. Questa legge attesta che le persone disabili aventi il certificato relativo alla legge 104 possono pagare il materasso dispositivo medico con una deduzione dell’IVA dal normale 22% vigente in Italia, al solo 4%. Solitamente per queste persone è necessario presentare alcuni documenti rilasciati da enti specifici che attestino la percentuale di disabilità. Potranno poi acquistare il materasso (solitamente antidecubito) ad un prezzo agevolato.